Condividilo:

So che può sembrare scontato e magari è solo  la mia passione per metafore e motori a parlare, eppure ultimamente mi sono ritrovata a notare varie similitudini tra la nostra vita ed un lungo viaggio fatto in macchina: uno di quelli che costa sudore ma che sicuramente vale sempre la pena affrontare. Mi piacerebbe, quindi, condividere con voi ciò che mi frulla per la testa e mi porta a dire che, anche se non sempre arriviamo alla destinazione che ci eravamo prefissati, viviamo una delle esperienze di guida più emozionanti e strane che sia possibile immaginare! Un percorso unico, imprevedibile ed irriproducibile.

…in marcia…

Rifugiati dietro un parabrezza che ci protegge dalla pioggia di imprevisti con cui spesso il cielo ci minaccia, riusciamo a guardare il mondo e conoscere ciò che c’ é fuori perdendo distrattamente ciò che custodiamo dentro. Viviamo guardando costantemente lo specchietto retrovisore, cercando di intravedere un passato che ci sembra di aver sorpassato, ma che spesso ci lampeggia ancora con quei fastidiosi fari, riempiendoci di lacrime gli occhi. Rincorriamo un futuro prestabilito e per definizione irraggiungibile e sfrecciamo, sogno dopo sogno, da una cosa all’altra. Confusi tra gli ingorghi di impegni ci salutiamo distrattamente agli incroci; passiamo di fianco a milioni di auto restando chiusi nel comfort della nostra, con i pensieri che rimbombano in radio e le paure sempre sul sedile posteriore. Eppure la verità è che sogniamo spesso dei passeggeri accanto a noi a cantare le nostre emozioni preferite.

Solo a volte finiamo per rincontrarci, chi prima e chi dopo, nelle piazzette di sosta, scambiando pezzi di ricambio, di esperienze e di vita… per poi tornare a viaggiare ognuno per conto proprio. Cambiamo marcia, scaliamo marcia. Se siamo abbastanza coraggiosi da scappare dal traffico di mediocrità in cui siamo imbottigliati, ci avventuriamo in quelle stradine sterrate che non promettono altro che buche e brecciolino ma che nascondono sempre i panorami più belli. A volte critichiamo chi non ha il coraggio di seguirci, altre critichiamo noi stessi per non aver scelto la via semplice ma in fondo sappiamo tutti che quel perdersi in un abbraccio o in un amore é l’unico modo per ritrovarsi.

…sempre sul nostro percorso…

E’ una strada lastricata di promesse, la nostra! Piena di deserti e dubbi. Un alternarsi di percorsi pericolosi e altri noiosamente tranquilli che non portano ad altro che a delle rotatorie infinite. Cartelli distrutti piantati ovunque, cartelli sbagliati… cartelli ignorati! Incroci di emozioni e semafori spenti. E noi, poveri disperati, viaggiamo senza patente e a fari spenti, guidati da un libero arbitrio che poi tanto libero non é: un navigatore impostato dalle convenzioni sociali. Ci affidiamo a sempre più sistemi di sicurezza autoimposti, che finiscono per impedirci di sgommare godendoci l’emozione di non sapere come andrà a finire ma, soprattutto, privandoci del gusto di guidare davvero!

…senza fermarci!

Quanto tempo fermi a semafori che ci siamo resi conto non essere funzionanti. Quanto tempo perso a degli ”STOP”! Quanta benzina ed energia sprecate ad inseguire persone che in realtà volevano solo seminarci per dirigersi da qualcun altro. Quanto potremmo risparmiare, invece, se ci concentrassimo di più su quello che vogliamo, su quello che ci piacerebbe incontrare sul nostro cammino ed evitassimo di surriscaldare il motore con la rabbia.

Vivremmo molto più serenamente sapendo che comunque ogni direzione ci porterà dove dovremmo essere. Eviteremmo molto stress se solo accettassimo il fatto che alcuni incroci sono pericolosi ma che restare fermi lo é di più! Potremmo sentirci infinitamente più liberi se smettessimo per un po’ di premere il freno con il peso delle nostre paure e scegliessimo di mettere la macchia in folle, di lasciare scorrere le cose, magari tirare giù il finestrino e dimenticare le vie non prese o quelle sbagliate.
Bisognerebbe capire che siamo solo dei nomadi che non arrivano mai sani e salvi. Perdiamo strade, compagni, occasioni e pezzi di noi … ma non dovremo mai perdere la voglia di continuare!

Condividilo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.